FOTOPAGINE

CON-TENERE: Un progetto artistico di Fotoscrittura
©Daria Piccotti

Contenuti della Fotopagina

Dov’è il confine tra proteggere e soggiogare?

Una domanda che si trasforma in fotografia

Dov’è il confine tra proteggere e soggiogare? Tra protezione e repressione? Mi sono spesso posta questa domanda, senza riuscire a trovare una risposta o esternare le mie sensazioni.

Mi sono rivolta ancora una volta alla mia macchina fotografica e insieme abbiamo tradotto i miei aggrovigliati pensieri in immagini.

Immergersi nelle immagini in cerca di risposte

Mi sono lasciata guidare dallo sguardo, dalla creatività e dalle sensazioni e, in questo modo, alcuni abitanti del frigorifero e della dispensa si sono trasformati nei protagonisti di una narrazione.

Ma che cosa raccontano un uovo, una zucca, alcune foglie di thè e una mela? Avvolti in banali sacchetti di plastica, parlano di nascita, crescita, domande esistenziali, turbamenti interiori, insomma di vita.

Appena realizzate, in realtà, le fotografie che ho scattato mi hanno suscitato nuove domande più che offrirmi risposte, così ho deciso di immergermi in esse con la Fotoscrittura per portare alla luce quella narrazione sfuggente che lo sguardo, da solo, non riusciva a catturare.

Ho trovato le parole dentro le fotografie

Osservazione attiva, ricerca dei particolari, associazione di immagini e parole, flusso creativo in libertà.

Ecco che la narrazione che correva fuggevole tra i colori delle mie fotografie ha preso forma sulla pagina attraverso le parole che non riuscivo a trovare.

Proteggere e soggiogare viaggiano fianco a fianco lungo una linea sottile, il cui confine viene spesso infranto in modo tanto impercettibile quanto sostanziale.

Dalla vita del singolo individuo al complesso ecosistema del rapporto uomo-natura, il pendolo di questa delicata bilancia oscilla con moto perpetuo tra il prendersi cura e il prendere possesso.

Si attiva un ciclo di vita alterato, in cui la mancata libertà, travestita con il costume della giusta direzione, imprigiona lo sviluppo naturale che si incastra in se stesso, rimanendo imbrigliato tra le pieghe storte di un’artificiosa guida.

La forma che assume la natura delle cose, quando non viene forzata, si adatta perfettamente alla sua essenza e ne fa brillare la sua intrinseca unicità, libera di fluire nell’autentica espressione di se stessa.

E se facessimo un passo indietro? Se osservassimo la vita mentre costruisce le sue linee, senza tracciarle al posto suo ma prendendoci cura di quella linea che disegna l’equilibrio tra protezione e costrizione?

La Fotoscrittura come strumento di espressione

Grazie alla Fotoscrittura sono riuscita a dare forma ad un nodo interiore complesso che non riuscivo a sciogliere e l’ho reso osservabile e affrontabile.

CON-TENERE non è la risposta definitiva ai miei dubbi sul confine tra protezione e costrizione, ma mi consente di osservare e leggere i miei pensieri, esplorarli, rinnovarli e aggiornarli in un processo sempre in divenire.

E questo non è poco, vero?

Vorresti provare anche tu a creare con la Fotoscrittura?

laboratorio di Fotoscrittura

Con il laboratorio di Fotoscrittura svilupperemo insieme il tuo sguardo fotografico e trasformeremo parole e immagini in veri e propri racconti.

Puoi scegliere un percorso individuale oppure unirti a uno dei gruppi in partenza.

Vi auguro una buona giornata e ci vediamo alla prossima Fotopagina.

Daria Piccotti

Sono una fotografa, storyteller, storica dell'arte e digital marketing specialist di Torino, mi definisco una fotoscrittrice: fotografo, scrivo ed esploro l'unione trasformativa dei due mondi. Ho ideato la Fotoscrittura come metodo comunicativo, artistico ed espressivo e, attraverso l'unione di fotografia e parola, realizzo progetti in ambito sociale, laboratori espressivi, percorsi di fotoscrittura terapeutica. Pubblico articoli su fotoscrittura, board game photography, creatività e progetti di fotoscrittura sul mio blog "Fotopagine".

Fotopagine correlate

error: Content is protected !!