FOTOPAGINE

Essendo atomo nel mondo: l’autoritratto per vedere se stessi

Essendo atomo nel mondo: l'autoritratto per vedere se stessi
©Daria Piccotti

Contenuti della Fotopagina

Un progetto di Fotoscrittura in cui l'autoritratto diventa
osservazione interiore e ricerca di identità.

L’autoritratto come percorso di scoperta di sé

L’autoritratto nasce del mondo dell’arte e con la fotografia diventa un potente strumento di indagine di sé, sia della propria immagine e del proprio corpo sia della propria interiorità.

Siamo abituati a ricercare e trovare la nostra identità allo specchio, a volte riconoscendoci nella nostra immagine riflessa, a volte negandola e volendola trasformare.

L’autoritratto fotografico va oltre lo specchio, perché racchiude sia l’immagine che esso ci restituisce sia una sorta di oggettività terza che risiede nella macchina fotografica.

Nell’autoritratto l’occhio si rivolge all’interno, offre la possibilità di vedere se stessi con il proprio sguardo e al contempo attraverso l’occhio della macchina fotografica, senza il filtro di un altro essere umano.

Nel ritratto il soggetto guarda all’esterno, si percepisce attraverso occhi non suoi e si vede come gli altri lo vedono, nell’autoritratto il soggetto guarda dentro se stesso.

Un’immagine che racchiude 3 sguardi

Mi piace immaginare ogni autoritratto come una sovrapposizione di 3 immagini:

  1. L’immagine che ho di me stessa,
  2. L’immagine che mi restituisce lo specchio,
  3. L’immagine di un osservatore esterno.

 

Nell’unione di queste 3 immagini riesco a cogliere qualcosa del mio essere nel mondo, come corpo e come mente, che non trovo in nessuna di queste immagini prese singolarmente.

Attraverso i 3 sguardi dell’autoritratto si possono percorrere i propri sentieri interiori, si possono scovarne  diramazioni, connessioni e anche vicoli ciechi.

L’autoritratto è un flusso di pensiero che raccoglie sensazioni, emozioni e realtà.

Apre un canale comunicativo con noi stessi, con il nostro corpo con il mondo che ci circonda, di cui siamo un singolo atomo insostituibile.

Il progetto Essendo atomo nel mondo

Smarrita, in cerca del mio centro, guardo dentro al mondo in ogni direzione per collocarmi in esso.

Sia io sia lui siamo fragili atomi in balia del tempo,

in precario raccoglimento tra le pieghe storte del presente.

Un groviglio senza fine in mezzo al quale poter scegliere un cammino,

non in cerca di una meta ma di una direzione, in cui il mio nucleo ritrovi il suo orbitale.

La Fotoscrittura per dar voce al flusso interiore

Il progetto Essendo atomo nel mondo, pubblicato sul sito Nikon, è nato dall’esigenza di entrare in connessione con me stessa e con la mia identità, racchiusa in un intricato mosaico di emozioni, pensieri, pelle, condizionamenti sociali, giudizi interiori, speranze, desideri, immagini, contraddizioni, fragilità, corpo.

Grazie alla Fotoscrittura ho dato voce a questa indagine interiore, scoprendo nuovi punti di vista e angolazioni da cui osservare me stessa e, soprattutto, prendendo consapevolezza del lungo cammino di ricerca e conoscenza di me stessa che ho iniziato a percorrere.

Vuoi provare anche tu?

Flussi di sguardo

Per esplorare se stessi con la fotografia e la scrittura

Per maggiori informazioni o per prenotare il vostro flusso di sguardo scrivetemi a info@narravolando.com.

 

Vi auguro una buona giornata e ci vediamo alla prossima Fotopagina.

Daria Piccotti

Sono una fotografa, storyteller, storica dell'arte e digital marketing specialist di Torino, mi definisco una fotoscrittrice: fotografo, scrivo ed esploro l'unione trasformativa dei due mondi. Ho ideato la Fotoscrittura come metodo comunicativo, artistico ed espressivo e, attraverso l'unione di fotografia e parola, realizzo progetti in ambito sociale, laboratori espressivi, percorsi di fotoscrittura terapeutica. Pubblico articoli su fotoscrittura, board game photography, creatività e progetti di fotoscrittura sul mio blog "Fotopagine".

Fotopagine correlate

error: Content is protected !!