#NARRAMERICA

Il teatro di vita a Broadway nel Theater District

Il teatro di vita a Broadway nel Theater District
© Daria Piccotti

A New York abbiamo soggiornato in una piccola stanza affacciata all’incrocio tra la 47 th Street e la Broadway, nel cuore del Theater District a Manhattan.

Qui lo spettacolo è il protagonista assoluto, i teatri e i cabaret dominano le strade, ammaliandole con la promessa che la vita sia arte.

Appena entrati all’Edison Hotel siamo stati catapultati nella scena newyorkese degli anni ’20, tra morbidi arredi Art Deco e suadente musica swing.

L’ascensore si è poi trasformato in una macchina del tempo e appena scesi al quarantacinquesimo piano abbiamo ritrovato alla finestra una contemporaneità scandita da profili geometrici e avvolta in quella misteriosa luce blu che spontaneamente associamo al cinema.

Le linee dure dei grattacieli stemperano la propria rigidità nei contorni tondeggianti delle enormi cisterne d’acqua che dimorano tra i tetti.

E poi lì, tra le ombre scure dei palazzi, si erge un grande schermo su cui si rincorrono notte e giorno automobili, modelli e spiagge paradisiache, e in un attimo ci siamo ritrovati nella vita che non dorme mai di Times Square.

Così abbiamo iniziato a scoprire l’anima del Theater District, una gigantesca scenografia che si trasforma e muta ad ogni angolo e ad ogni scala, sempre diversa e allo stesso tempo uniformemente animata dall’arte di mettere in scena la vita.

In quali film avete visto questa luce blu che identifichiamo subito come cinematica? A me viene subito in mente Melancholia di Lars Von Trier.

Articoli correlati

error: Content is protected !!