#NARRAMERICA

Le metamorfosi urbane su Las Vegas Strip

narramerica le metamorfosi urbane su Las Vegas Strip
© Daria Piccotti

Las Vegas Strip è una delle strade più famose in America e nel mondo, nella sua estensione tra i comuni di Paradise e Winchester si plasma in continue metamorfosi urbane, che culminano nelle luci stroboscopiche degli hotel e dei casinò di lusso.

Nel nostro soggiorno in Nevada abbiamo deciso di percorrere a piedi questo lunghissimo viale e di esplorarne le diverse sfaccettature.

Ci siamo incamminati dall’autonoleggio, sotto un sole cocente e implacabile, lungo i circa 6 km di Strip che ci avrebbero condotti tra una New York in miniatura e i canali di una Venezia con piscina.

Per un lungo tratto abbiamo incontrato videopoker abbandonati, alternati a solitari bazar affollati di souvenir di ogni tipo.

Di tanto in tanto spuntava un’insegna che segnalava la presenza di un motel nelle vicinanze, di solito non visibile dalla Strip.

Come in quadro surrealista, ci siamo trovati davanti un elefante rosa a grandezza naturale che accompagnava i turisti verso le camere disponibili.

Oltrepassata questa finestra di colore e bizzarria, ecco un cantiere grigio e anonimo, che dopo pochi passi ha lasciato il posto ad un gigantesco salone dell’Harley Davidson, a sua volta sostituito da un basso fabbricato in cui viene praticata la lettura della mano.

Passo dopo passo, da una metamorfosi all’altra, siamo arrivati in prossimità dell’aeroporto, per poi entrare nel vero nucleo della Strip.

Lusso, sfarzo e luci sono rapidamente diventate protagoniste e ci hanno accompagnati in quel mondo illusorio in cui i desideri più strani possono diventare reali, almeno per una notte.

In Italia avete mai visto un posto come questo?

Articoli correlati

error: Content is protected !!